108- La bestia sei tu. Non lui.

Ecco l’ennesima campagna sociale attuata con un’azione di ambient. L’ambientazione è un acquario e il messaggio che si vuole lanciare è molto chiaro:

I predatori non sono gli squali ma gli uomini!

Infatti 100 milioni di squali vengono uccisi ogni anno dagli esseri umani. In confronto, solo 4 persone sono attaccate. Questo fa nascere la domanda: chi è il vero predatore?

Per divulgare tale realta e rendere noto a tutti che chi veramente attacca è l’uomo, sono stati applicati degli adesivi sui vetri che delimitano lo spazio tra squalo e uomo. L l’annuncio in maniera ironica è correttamente leggibile da un punto di vista opposto a quello dell’uomo: quello degli squali.

Quindi chi va a visitare gli acquari e si sofferma a guardare la sezione dedicata ai pesci predatori presi in questione, nota che l’avviso è stato realizzato e rivolto effettivamente per gli squali. E’ loro che devono fare attenzione alla bestia umana.

Ecco la campagna:

Immagine 1

Immagine 2

Immagine 3

Annunci

107- Ambient al Cinema: Magnum e M&M’s.

Ecco a confronto due esempi di ambient advertising che usano un’idea simile e a mio parere molto efficace. L’ambientazione?Il cinema.

..in questo modo è stato portato il brand tra le platee del cinema Kinoplex do Itaim, regalando agli spettatori un ambient multicolore.

magnum2..in questo caso, invece, a Poznan (in Polonia) gli  spettatori hanno potuto gustare prima della visione del film questo ambient creato per il brand Magnum.

106: Mentalgassi: l’arte nell’ambiente urbano.

Mentalgassi è un’arte collettiva di strada sviluppatasi in Germania, che copre gli oggetti urbani con delle incollando su di essi delle foto con “wheatpastes” (…un liquido adesivo usato fin dai tempi antichi per le varie arti e mestieri come il libro vincolante, decoupage, collage e cartapesta.). Ecco alcuni esempi di quest’arte:

02_small

Cont-gr_hinten

1

Cont-gr_vorne

flip_the_bird